Riportiamo sinteticamente importanti novità contenute dell'ultimo decreto del Ministero delle Infrastrutture ed effettive dal 20/11/2021, che potrebbero riguardare alcuni dei mezzi dei nostri soci:

1) I veicoli di interesse storico e collezionistico (cioè dotati di CRS) costruiti prima del 1/1/1960 potranno fare la revisione in qualsiasi officina abilitata e non saranno più costretti - come prima - a recarsi le Motorizzazioni Civili.

2) Nel caso in cui i veicoli di cui al punto 1) abbiano meccaniche particolari o delicate tali da non poter sostenere la prova di frenata sui rulli, allora si potrà richiedere la revisione presso la Motorizzazione Civile, con la prova di frenata affidata a un dispositivo GPS che rileva velocità e decelerazione.

3) Sui veicoli di interesse storico e collezionistico (cioè dotati di CRS) costruiti prima del 4 Agosto 1971 non sarà più effettuata la prova dei gas di scarico in sede di revisione.

Contemporaneamente, la sola Regione Lombardia ha stabilito che sarà sufficiente l'annotazione del CRS sulla Carta di Circolazione per ottenere l'esenzione del bollo dei veicoli di interesse storico e collezionistico a partire da 20 anni dalla data di costruzione (prima era necessaria apposita istanza).