Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: 11 Luglio 1941

  1. #1
    Super Maggiolinista
    Data Registrazione
    13/08/2003
    Messaggi
    3,003

    11 Luglio 1941

    11 Luglio 1941: le prime KdF-Wagen lasciano la linea di produzione a Wolfsburg.
    Si osservi che le prime 4 montano i fari da coprifuoco e la prima una antenna radio sul parabrezza, di probabile impiego militare.

    Era una produzione ancora molto artigianale, tanto che in quell'anno un totale di sole 41 auto venne prodotto. La precedenza era infatti tutta per le versioni militari.
    Fra l'avvio della produzione e la fine della guerra un totale di 630 KdF-Wagen vennero prodotte, a fronte di circa 52.000 Kübelwagen e 14.000 Schwimmwagen.




  2. #2
    Vorrei solo aggiungere che tutti i "2 vetrini", anche quelli civili degli anni '50, mantennero la predisposizione per l'antenna proprio in mezzo al parabrezza (con un apposito "bozzo" sul tetto per il fissaggio).

  3. #3
    L'antenna radio sul parabrezza non ha una ragion d'essere militare.

    La modulazione di frequenza ancora non esisteva, la radio di allora era onde medie per le trasmissioni nazionali (di giorno, di sera la propagazione aumenta) e onde corte per quelle internazionali. La ricezione delle onde corte richiede antenne lunghe e il più possibile verticali. Quella era la posizione ideale, oltre ad essere verticale permette di arrivare al ricevitore con un cavo molto corto, quindi limitando al massimo le interferenze e la perdita di segnale. Non mi stupirebbe se la lunghezza dell'antenna fosse stata ottimizzata per la banda dei 49 metri (la "banda europea" per gli addetti ai lavori), dove fino a qualche anno fa erano molto attive le stazioni tedesche ed austriache, non solo quelle nazionali ma anche le stazioni regionali tedesche, oltre alla BBC sui 6095 KHz. I ricevitori sui Maggiolini degli anni '40 e '50 hanno le onde medie e la banda dei 49 metri nelle onde corte. Non avevano la banda delle onde lunghe, ideale per le trasmissioni internazionali, ma sulla quale erano attive principalmente stazioni inglesi e francesi.

    Non dimentichiamo che la televisione era ancora nelle fasi sperimentali, e il regime nazista aveva puntato molto sulla radio come strumento di comunicazione, al punto che erano stati messi in commercio apparecchi ricevitori economici (Volksempfanger) per renderla accessibile anche ai ceti meno abbienti e quindi far arrivare meglio la propaganda nazista. In quest'ottica, la radio a bordo del veicolo era una conseguenza logica. Il Maggiolino fu una delle prime automobili di grande diffusione con la predisposizione per la radio, che non era affatto comune fino agli anni '70. Molti costruttori si limitavano al vano per installare l'apparecchio e nelle utilitarie non c'era nemmeno quello. Per gli altoparlanti ci si doveva arrangiare.


    Infatti quella vettura appare successivamente in molte altre foto, credo fosse rimasta nella dotazione della Porsche.

    Ed è curioso il fatto che l'ultimo viaggio in automobile di Hitler fu appunto su una di quelle KdF Wagen. Poche settimane prima della fine della guerra Hitler uscì per l'ultima volta dal bunker della cancelleria e si recò in visita sul fronte orientale. Per ridurre i rischi, intraprese il viaggio su una KdF Wagen, mentre la "grosse Mercedes" di rappresentanza venne inviata da tutt'altra parte per creare un diversivo. Si racconta che durante il viaggio di ritorno il cancelliere non espresse parola, forse si era reso conto che la fine era davvero arrivata.

  4. #4
    Super Maggiolinista
    Data Registrazione
    13/08/2003
    Messaggi
    3,003
    Citazione Originariamente Scritto da Phormula Visualizza Messaggio
    L'antenna radio sul parabrezza non ha una ragion d'essere militare.

    La modulazione di frequenza ancora non esisteva, la radio di allora era onde medie per le trasmissioni nazionali (di giorno, di sera la propagazione aumenta) e onde corte per quelle internazionali. La ricezione delle onde corte richiede antenne lunghe e il più possibile verticali. Quella era la posizione ideale, oltre ad essere verticale permette di arrivare al ricevitore con un cavo molto corto, quindi limitando al massimo le interferenze e la perdita di segnale. Non mi stupirebbe se la lunghezza dell'antenna fosse stata ottimizzata per la banda dei 49 metri (la "banda europea" per gli addetti ai lavori), dove fino a qualche anno fa erano molto attive le stazioni tedesche ed austriache, non solo quelle nazionali ma anche le stazioni regionali tedesche, oltre alla BBC sui 6095 KHz. I ricevitori sui Maggiolini degli anni '40 e '50 hanno le onde medie e la banda dei 49 metri nelle onde corte. Non avevano la banda delle onde lunghe, ideale per le trasmissioni internazionali, ma sulla quale erano attive principalmente stazioni inglesi e francesi.

    Non dimentichiamo che la televisione era ancora nelle fasi sperimentali, e il regime nazista aveva puntato molto sulla radio come strumento di comunicazione, al punto che erano stati messi in commercio apparecchi ricevitori economici (Volksempfanger) per renderla accessibile anche ai ceti meno abbienti e quindi far arrivare meglio la propaganda nazista. In quest'ottica, la radio a bordo del veicolo era una conseguenza logica. Il Maggiolino fu una delle prime automobili di grande diffusione con la predisposizione per la radio, che non era affatto comune fino agli anni '70. Molti costruttori si limitavano al vano per installare l'apparecchio e nelle utilitarie non c'era nemmeno quello. Per gli altoparlanti ci si doveva arrangiare.


    Infatti quella vettura appare successivamente in molte altre foto, credo fosse rimasta nella dotazione della Porsche.

    Ed è curioso il fatto che l'ultimo viaggio in automobile di Hitler fu appunto su una di quelle KdF Wagen. Poche settimane prima della fine della guerra Hitler uscì per l'ultima volta dal bunker della cancelleria e si recò in visita sul fronte orientale. Per ridurre i rischi, intraprese il viaggio su una KdF Wagen, mentre la "grosse Mercedes" di rappresentanza venne inviata da tutt'altra parte per creare un diversivo. Si racconta che durante il viaggio di ritorno il cancelliere non espresse parola, forse si era reso conto che la fine era davvero arrivata.
    Complimenti e grazie per le informazioni sulla radio!
    Possiamo pubblicarle sulla ns Pagina FB come post?

  5. #5
    Si, certo.

  6. #6
    In questo film dell'epoca, realizzato a scopo di propaganda e probabilmente proiettato nei cinema prima del film, al minuto 7:52 si vede il Volksempfanger nel cruscotto della vettura.

    https://www.youtube.com/watch?reload=9&v=zeKxedoLkUE

    Ad una prima ipotesi sembrerebbe una versione adattata del Volksempfanger DKE 38, del quale esisteva una versione "B", funzionante a batteria.
    Era un ricevitore con una circuitazione molto semplice e quindi di basso consumo elettrico, ma più che adeguato per la ricezione delle stazioni nazionali, che hanno segnali forti.
    Ultima modifica di Phormula; 03/08/2020 alle 15:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •