PDA

Visualizza Versione Completa : Primo giro con il cabrio 1500 del '68



Beetle
21/07/2012, 19:03
Prima di raccontarvi com'è andato il primo vero giro con il 1500 Cabriolet, penso vada fatta una premessa.
La mia auto (Omologata ASI) è stata rimontata da zero dopo un restauro generale protrattosi per quasi due anni e con un costo notevole a carico del precedente proprietario, uno stimato collezionista di auto d'epoca cui non ho davvero nulla da rimproverare.
Tra le varie cose, oltre a paraurti,fregi cromati, interni , capote, anche freni, sospensioni, pneumatici, cerchi, scarichi, pistoni, valvole e un bel pò di altre componenti sono stati sostituiti, e chi ha revisionato il resto -a quanto ho visto finora-ha fatto il proprio dovere. A voler essere pignoli -ed io lo sono :)- chi poi si è incaricato di rimontare il tutto, invece ad un certo punto deve aver accusato la fatica o il caldo, visto che numerose viti e dadi erano completamente allentati ...addirittura un perno dell'avantreno si era sfilato dalla sede tanto che è finito a terra meno di cento metri dopo che l'auto è stata scaricata dalla bisarca...meglio "prima" che dopo, come quando ci si sposa, ho pensato.
Visto che in questi giorni dovevo finire un paio di moto e l'ultima volta che ho lavorato su un Maggiolino risale a circa 30 anni fa - ho deciso di afffidare il Kafer a un collega meccanico d' auto consigliatomi come un vero esperto (comunque lo conoscevo e sapevo che ha un maggiolino anche lui) ma quando l'ho ritirato due giorni dopo, ho avuto una piccola delusione ...per fortuna dall "esperto" e non dalla macchina. :D
Il minimo a motore caldo era talmente alto che sembrava regolato per un tentativo di impennata :mad:, al punto da rendere fastidiosa la marcia nel traffico e persino duro l'inserimento delle marce.
L' avviamento, che a freddo era immediato, a caldo poi diventava un calvario, sia pigiando a fondo l'acceleratore che non toccandolo, segno che qualcosa non andava nella carburazione.
A questo punto ho deciso che il primo viaggio sarebbe servito per risolvere i vari problemi, per cui ho stipato dietro il sedile posteriore una mezza officina e sono partito con mia moglie che si è prestata di buon grado a farmi da assistente (mica una cosa da niente, perchè quando lavoro divento un vero spaccaballe!
La carburazione, dopo varie soste per la messa a punto, ora è a posto e l'auto si avvia con mezzo giro di chiave sia a freddo che a caldo, il minimo è basso e regolare (già che c'ero ho regolato anche la fase) ho eliminato un fastidioso odore di benzina che penetrava nell'abitacolo e ho centrato il volante che prima, in rettilineo con le ruote correttamente allineate e l'auto che procedeva diritta per conto suo, stava girato esattamente di 90° in senso antiorario...
Siamo partiti presto e in totale oggi abbiamo percorso oltre 150 km. di strade statali intorno al lago con diverse salite belle toste e ora siamo tornati alla base un pò stanchi ma davvero entusiasti, perchè grazie a tre o quattro interventi a bordo strada il Maggiolino adesso è tornato a funzionare come un'auto tedesca invece che turca ! :)
La gente era incuriosita vedendo che mentre Patty si faceva un gelato nel bar sul lungolago, io nel parcheggio smontavo o registravo il nostro maggiolino (peccato non aver avuto anche il cric da officina e un avvitatore pneumatico, ma a quel punto mi avrebbero arrestato perchè non avevo l'agibilità.
Mi sono segnato le cosette ancora da sistemare: il clacson, il lavavetro e i comandi del riscaldamento, ma per il resto direi che ci siamo , il che non significa che io sia completamente soddisfatto (per quello forse ci vorrebbe lo Shuttle, ma la colpa è mia) ma che almeno potremo affrontare del veri viaggi senza portarci dietro mezza officina.
Per un lavoretto sulle barre di torsione posteriori però dovrò metterla sul ponte di un amico...
Alcune considerazioni finali: abbiamo fatto 9,5 con un litro (penso non siano pochi) tenendo una velocità di crociera che andava dai 50 ai 70 kmh (sempre a capote rigorosamente aperta ed essendo motociclisti l'aria non ci ha creato alcun problema) .Dopo un paio di allunghi a 100 kmh (ai quali l'auto frullava in scioltezza) alla fine prima di tornare a casa ho fatto una brevissima puntata a 120 indicati, e a quella velocità penso ci sia ancora qualcosa da mettere a punto, perchè la risposta dello sterzo risultava un pò troppo sensibile. Siccome la pressione delle gomme era OK, ho ipotizzato che se il fenomeno dovesse persistere anche dopo una regolazione fine della convergenza (che conto di fare lunedì mattina) può darsi che il retrotreno troppo basso crei un lieve scompenso nell'assetto una volta superata una certa velocità.
Mi è venuto anche il dubbio che l'effetto "vela" della capote ripiegata (con relativa copertina) crei una eccessiva deportanza (come superficie è più grande dell'alettone di un vecchio Carrera RS...) per cui anche se quello che mi interessa non è andare in giro a 120 all'ora, proverò anche a tetto chiuso.Anche il fatto di montare pneumatici da 185 di sezione, secondo me induce una certa tendenza a seguire le irregolarità del fondo (giunzioni, buche, ecc.) ma in proposito, oltre ad aver messo in calendario ulteriori controlli nei prossimi giorni, se qualche "veterano" del forum volesse darmi dei buoni consigli sarebbe davvero apprezzato.
Fabrizio

Michele
23/07/2012, 18:03
Bel reportage, grazie a nome di tutti quelli del forum.

Qualche consiglio/opinione/domanda:
- la macchina è a posto con le revisioni biennali?
- le gomme 185 sono registrate sul libretto?
- i 9,5km/l non sono malissimo, ma secondo me in statale potrebbe anche posizionarsi verso i 12 km/l
- lo sterzo di un Maggiolino oltre i 100km/h è sempre molto aleatorio, anche se perfettamente regolato

Beetle
23/07/2012, 18:32
Ciao Michele,
grazie per il "supporto psicologico" :), non ero preoccupato (anzi più lo guido e più mi diverto) ma avere una conferma che le mie sensazioni sono comuni ad altri utenti è ancora meglio.

Revisione passata una settimana fa (se a qualcuno di voi servisse... :cool:) , nonostante i pneumatici a sezione maggiorata non siano contemplati sul libretto (se per questo neppure il diametro dei cerchi e la sezione "un pò" più larga:eek:) per ora confido nel fatto che l'auto non è vistosa e neppure l'assetto.

Il consumo considerando che da noi di tratti in pianura e rettilinei ce ne sono pochi mi sembra buono: la capote perennemente aperta e l'attrito di rotolamento dei "gommoni" poi incidono sicuramente, per cui in condizioni più normali penso che i 10-11 km/litro siano alla sua portata.

Oggi dopo la convergenza c'è stato un netto miglioramento , sia nella percorrenza in curva che nella stabilità, conto di intervenire anche sulla campanatura nei prossimi giorni, appena avrò finito con le altre cosette: domani mattina presto, col fresco, ho in programma il clacson e vorrei installare uno staccacorrente nascosto.

Se mi avanza del tempo poi devo sincronizzare meglio le spazzole tergi, che ora sono un pò "strabiche" :o